Notizie e opportunità dal mondo del lavoro

slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4

N E W S

L'Art. 18 tutela il 57,6% dei lavoratori ma si applica solo al 2,4% delle imprese

art18

Roma, 12 ago. (AdnKronos) - Se le aziende 'interessate' dall'articolo 18 sono solo il 2,4 per cento del totale, a essere tutelati da questo provvedimento sono il 57,6 per cento dei lavoratori dipendenti italiani occupati nel settore privato dell'industria e dei servizi. Queste sono le stime elaborate dall'Ufficio studi della Cgia dopo che si è riacceso lo scontro, anche all'interno del governo, sull'abolizione dell'art.18.

In termini assoluti, su poco meno di 4.426.000 imprese presenti in Italia, solo 105.500 circa hanno più di 15 addetti. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, invece, su oltre 11 milioni di operai e impiegati presenti nel nostro Paese, quasi 6.507.000 lavorano alle dipendenze di aziende con più di 15 dipendenti: soglia oltre la quale si applica l'articolo 18. Leggi tutto »

Famiglia e parenti restano l'ufficio di collocamento più efficiente

parenti

Roma, 5 ago. (Labitalia) - L'Italia dei Santi in Paradiso, dello zio e del cognato che ci mette una buona parola, dell'amico al posto giusto, sembra funzionare ancora, almeno per trovare un lavoro.

 Secondo i dati presentati oggi dal presidente di Italia Lavoro, Paolo Emilio Reboani, nel corso dell'audizione alla commissione XI della Camera dei deputati, infatti, in Italia quasi il 40% (39,8% esattamente) di chi ha cominciato a lavorare nel 2012 (anno a cui è riferita la rilevazione) lo ha fatto trovando il posto grazie ad amici e parenti. Vale a dire 564.324 persone sul totale di 1.416.531. Leggi tutto »

Cuoco, aiuto cuoco, pasticcere e venditore in strada: i lavori legati al cibo non conoscono crisi

ristorazione

4 ago. (Quifinanza) -  Il Cuoco e i suoi derivati, una delle professioni più ricercate del momento. Sono infatti moltissimi gli annunci con offerte di lavoro rivolti a questa figura, e nonostante il periodo di crisi non è sempre facile, per gli operatori della ristorazione, reperire risorse qualificate. E non è nulla rispetto a quello che sarà il prossimo futuro di questa professione.

E' quanto emerge dagli studi della US Bureau of Labour Statistics, una delle principali agenzie d’Oltreoceano che si occupano di statiche ed economia del lavoro. Il cuoco sarà infatti il mestiere del futuro, arrivando nei prossimi 5 anni ad essere la figura professionale più richiesta in assoluto.  Leggi tutto »

Boom di investimenti stranieri in Italia

investimentistranieri

Roma 12 ago. (Affaritaliani) - L'economia italiana non cresce ma cresce l'interesse degli investitori esteri per il Belpaese. È targato estero infatti oltre la metà del valore delle acquisizioni e fusioni realizzate in Italia nei primi sei mesi dell'anno secondo l'analisi realizzata da Mergermarket. La ritrovata stabilità, la fine dei timori sul futuro dell'euro ma anche prezzi allettanti sono i catalizzatori del ritorno di interesse degli investitori oltre confine nei confronti delle imprese italiane.

I numeri infatti dicono che nella prima metà dell'anno in italia sono state realizzate acquisizioni per un valore superiore ai 10 miliardi di euro, in flessione del 13,7% rispetto allo stesso periodo del 2013. In deciso aumento invece il numero delle operazioni, ben 182 che rappresenta una crescita del 18% sull'anno scorso ed è il livello più alto dal 2008, l'anno prima del crac della finanza mondiale. Leggi tutto »

Un "talento" perso o sbagliato costa all'impresa fino a 80mila euro

talentiperduti

Roma 5 ago. (Labitalia) - Ogni talento in azienda ha un valore. Chi è in grado di coltivarlo cresce. Chi se lo fa scappare, invece, perde fino a 80mila euro. A tanto ammonta, secondo una ricostruzione di Page Personnel, leader nella ricerca e selezione di impiegati e giovani professionisti qualificati, la perdita di un professionista con 3-5 anni di esperienza. Cifre che aumentano, e anche di parecchio, se si punta sulla risorsa sbagliata.

Per fare un esempio concreto, si considera un profilo 'sales': se un’azienda inserisce un giovane commerciale con un’esperienza dai tre ai cinque anni che non supera il periodo di prova e che, quindi, porta nuovo business solo per un valore di 2.500 euro, perde - secondo le stime di Page Personnel - una cifra compresa tra i 40 e 50 mila euro. Leggi tutto »

In libreria e in internet "Lettere dal dirigibile U5" di Federico Bardanzellu.

dirigibileu5

Roma, lug. - Il 2 maggio 1918, ultimo anno della Prima guerra mondiale, il dirigibile U5 (Usuelli 5) decollò per compiere la sua missione consistente nel servizio di osservazione dei sottomarini nemici nel Tirreno e di scorta ai piroscafi sulla linea Civitavecchia-La Spezia. Sulla via del ritorno, l'involucro del dirigibile si squarciò, senza alcun apparente motivo e l'aeronave precipitò nei pressi di Pontedera.

Era comandato dal tenente Federico Fenu, con quattro uomini di equipaggio. Nessuno sopravvisse. 

Prima della tragedia, il comandante Fenu scrisse 73 lettere ai propri familiari e altra corrispondenza fu intrattenuta principalmente dal padre con le autorità, i propri familiari e i parenti delle altre vittime.

Queste lettere di cento anni fa rappresentano uno squarcio di luce sui sentimenti, le sofferenze e i problemi di ogni tipo di un ufficiale della Grande Guerra, inconsapevolmente destinato a pilotare un’aeronave realizzata in via sperimentale e messa in servizio in tutta fretta; ci fanno inoltre partecipare al dolore dei congiunti di quegli sfortunati pionieri del volo.

In vendita nelle librerie convenzionate con la casa editrice, su Amazon, IBS, Unilibro e sul sito:  www.caosfera.it Leggi tutto »

Pagine viste dal 17 luglio 2010