Notizie e opportunità dal mondo del lavoro

slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4

Assolavoro, a Natale oltre 15mila nuovi posti con agenzie lavoro

natale

Roma, 18 nov. (AdnKronos) Sono più di 15mila le opportunità offerte dalle agenzie per il lavoro relative alle attività per il periodo natalizio. Accanto ai settori tipicamente interessati da un picco di assunzioni legato alle festività quali la grande distribuzione, la moda, il lusso, il turismo e il food si registra una rapida crescita della domanda di specialisti della creazione di contenuti digitali e oggetti legati all’industria 4.0.

E' quanto emerge da una rilevazione di Assolavoro, l’Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro. Leggi tutto »

Nuovi mestieri: l'installatore di impianti fotovoltaici e paesaggisti

fotovoltaici

Roma, 21 nov. (AdnKronos) Dal tecnico installatore di impianti fotovoltaici ai pianificatori, paesaggisti e specialisti del recupero e della conservazione del territorio, fino agli ingegneri dei materiali, senza dimenticare i certificatori in grado di effettuare una diagnosi degli edifici e rilasciare l'attestato energetico.

Sono solo alcuni dei ‘nuovi mestieri’ della green economy, un settore, anche nel nostro Paese, su cui puntano di più le aziende per creare nuova occupazione. E' quanto emerge dall’Atlante lavoro, una mappa universale elaborata dall’Inapp, l’Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche, che serve a monitorare l’evoluzione dei settori, delle imprese e del lavoro per valutarne gli impatti sulle competenze e le professionalità. Leggi tutto »

Quali sono i giganti della grande distribuzione in Italia

grande_distribuzione

Roma, 30 nov. (Federico Bardanzellu) - Il fenomeno della grande distribuzione o della distribuzione organizzata è il risultato del neo-capitalismo. Quello dei trust, dei cartelli di aziende e degli oligopoli.

Aggregazioni in grado di operare economie di scala e riduzione dei costi per eliminare la concorrenza. Inoltre, il settore distributivo è forse quello dove maggiormente si sono visti gli effetti del mercato unico europeo. Nello specifico, il settore, in Italia, è dominato da meno di una decina di soggetti. Leggi tutto »

Istat, in Italia l'11% delle mamme non ha mai lavorato

mamme_lavoro

Roma, 11 nov. (AdnKronos) - L’11,1% delle donne con almeno un figlio non ha mai lavorato per prendersi cura dei figli, un valore decisamente superiore alla media europea (3,7%). A dirlo il Report Conciliazione lavoro e famiglia anno 2018 dell'Istat.

Nel Mezzogiorno, una donna su cinque con almeno un figlio dichiara di non aver mai lavorato per potersene prendere cura. In questa stessa area del Paese si registra anche la quota più alta di donne che dichiarano di non lavorare per motivi non legati alla cura dei figli (12,1% rispetto al 6,3% della media italiana e al 4,2% della media europea). Leggi tutto »

Differenza tra imprenditore agricolo professionale e non professionale

imprenditori_agricoli

27 nov. (Qui Finanza) – Oggi l’agricoltura è considerata un’attività d’impresa a tutti gli effetti ed è nata la figura dell’imprenditore agricolo. La Legge per questa figura ha stabilito determinati diritti e doveri. Secondo l’articolo 2135 del Codice Civile l’imprenditore agricolo è la persona che esercita attività quali la coltivazione del fondo, la silvicoltura, l’allevamento e attività ad esse collegate, come l’agriturismo o la fattoria didattica, solo per citarne alcune.

La figura dell’imprenditore agricolo negli ultimi anni ha subito diverse trasformazioni. Leggi tutto »

In libreria e in internet "Il fardello del coleottero" di Federico Bardanzellu

fardellodelcoleottero

Le generazioni che erano state protagoniste delle grandi tensioni sociali e intellettuali del decennio precedente hanno cominciato ad avvertire le prime profonde delusioni per il fallimento dei             loro ideali e, per reazione, rivolgono la loro attenzione alla gaudente ricerca dei piaceri materiali della vita, come i loro coetanei disimpegnati.

Dopo la vittoria elettorale del PCI, alle elezioni europee del 1984, anche gli ideali politici di sinistra sono messi in discussione come irrealizzabili e restano un difficile peso da trascinare, come il pesante fardello di sterco del coleottero della sabbia.

L’unico valore della contestazione che non viene travolto è l’emancipazione della donna. Sopravvive solo chi si adegua passivamente alle nuove regole del gioco dettate dal sesso femminile, dando così un senso al suo ripiegarsi nel privato.

In vendita nelle librerie convenzionate con la casa editrice, su Amazon, IBS, Unilibro e sul sito:  www.progettocultura.it Leggi tutto »