Notizie e opportunità dal mondo del lavoro

slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4

N E W S

Cassazione: “Per licenziamento statali si applica l’articolo 18 e non la legge Fornero”

fornero_statali

Roma, 9 giu.  (Qui Finanza) - Nei licenziamenti del pubblico impiego si applica ancora l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e non la disciplina prevista dalla legge Fornero.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, “all’esito di una approfondita e condivisa riflessione”, con la sentenza n. 11868 della Sezione Lavoro.

In pratica: per gli statali, in caso di licenziamento illegittimo, scatta la reintegra nel posto di lavoro e non la tutela risarcitoria o indennitaria. Leggi tutto »

Istat, chi cerca lavoro lo fa attraverso amici e parenti. Meno sul web

canalilavoro

Roma 10 giu. (Qui Finanza) – Secondo l’Istat, la strada per trovare lavoro passa sempre di più da conoscenze e parenti, mentre cala la fiducia nel web come strumento per trovare un impiego.

Le persone che si rivolgono a parenti e amici salgono all’84,8% di chi cerca lavoro all’inizio del 2016 dall’83,4% di un anno prima. Quelli che puntano sul web scendono al 55,4% dal 59% e quelli che inviano curriculum rimangono stabili al 69,2%.
 
Falliscono dunque i canali di ricerca “formali”, mentre otto persone su dieci si affidano alle proprie conoscenze con la speranza di trovare la dritta giusta su un’azienda che ha bisogno di personale e, magari, avere una raccomandazione. Leggi tutto »

Voucher lavoro. Arrivano le nuove regole per contrastare l'evasione fiscale e tutelare i lavoratori

marittimi

Roma 10 giu. (Quifinanza) - I voucher lavoro saranno a breve disciplinati da una nuova normativa. La modifica al Job Act prevede regole più restrittive, in particolare per ciò che riguarda la tracciabilità dei lavoratori e delle aziende che utilizzano i buoni lavoro.

Se per adesso è sufficiente comunicare l’inizio della prestazione di lavoro in un arco di tempo di 30 giorni, la proposta di modifica richiede maggiore trasparenza. Al fine di contrastare un uso improprio dei buoni lavoro INPS, le nuove regole prevedono che venga inviato un SMS od un’email di posta certificata all’Ispettorato Nazionale del Lavoro, almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione lavorativa. Leggi tutto »

Inps, regole per il part-time agevolato

parttime_agevolato

Roma 7 giu. (Affari Italiani) - L’Inps, con la circolare n. 90 del 26 maggio 2016, fornisce la regolamentazione operativa e le istruzioni per la fruizione dei benefici introdotti dall’art. 1, comma 284, della legge 208/2015, a favore dei lavoratori dipendenti a tempo pieno ed indeterminato del settore privato che maturano il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018 e che concordano con il datore di lavoro la riduzione, in misura compresa fra il 40 e il 60 per cento, dell’orario del rapporto di lavoro.

In particolare, il diritto all’accesso al “part-time agevolato”, previo accordo con il proprio datore di lavoro, può essere riconosciuto ai lavoratori in possesso dei seguenti requisiti e al ricorrere delle seguenti condizioni: Leggi tutto »

Garanzia Giovani: offerta a oltre 341mila ragazzi un'opportunità

garanziagiovani

Roma, 10 giu.  (AdnKronos) - Cresce anche questa settimana il numero dei giovani presi in carico e quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta tra quelle previste dal programma Garanzia Giovani.

Al 9 giugno 2016, riferisce il ministero del Lavoro, i presi in carico sono 706.786, 3.337 in più della scorsa settimana, con un incremento del 22,9% rispetto al 31 dicembre 2015, data che segna la conclusione della “fase 1” del programma.

Tra questi, sono 341.828 quelli cui è stata proposta almeno una misura del programma, 2.231 in più della scorsa settimana, con un incremento, rispetto al 31 dicembre 2015, del 34,4%. Leggi tutto »

"Magni bene e spenni poco" il nuovo ebook di Federico Bardanzellu è acquistabile in internet

magnibenespennipoco

Roma, gen. - Il luogo comune che nei ristoranti romani si mangi male, lascia il tempo che trova. Probabilmente ciò è dovuto al giudizio soggettivo che molta stampa ha della cucina tradizionale romana. Fortunatamente ai romani e ai ristoratori locali tale giudizio entra da un orecchio ed esce dall’altro.

E’ certo infatti che agli eredi di Romolo è sempre piaciuto mangiar bene e ciò è una garanzia. Nel XXI secolo, poi, la globalizzazione ha integrato la cucina locale con menu di scuole differenti, provenienti da tutte le regioni d’Italia e dal resto del Mondo. Quindi, ce n’è per tutti i gusti.

Nella presente guida, l’autore ha compilato, dopo una quarantennale esperienza diretta, 391 schede di altrettanti esercizi gastronomici della capitale, descrivendone i menu, le particolarità e attribuendo ad ognuno un voto prezzo e un voto qualità.

Lo scopo è stato quello di dimostrare che nella Capitale si può non solo mangiar bene ma anche a buon mercato. Se ci sia riuscito o meno, ai lettori – o meglio – ai commensali l’ardua sentenza.

In vendita a Euro 5,99 salvo sconti su AmazonUnilibro, La Feltrinelli, Rizzoli e su Omniabook.

  Leggi tutto »